Welcome at the website of Associazione per i popoli minacciati. Your currently used browser is outdated, probably insecure, and may cause display errors on this website. Here you can download the most recent browsers: browsehappy.com

Guerra in Ucraina

Intervista a Petro Grygorichenko, Presidente del Congresso dei rom in Ucraina: “Kiev è la mia casa”

Petro Grygorichenko (a sinistra) descrive la situazione in Ucraina nell'intervista. Suo nipote, Edward Grigoriczenko, traduce. Foto: © GfbV

I Rom in Ucraina hanno subito discriminazioni sistematiche prima della guerra. A questo ora si aggiunge l’attacco russo che sta riaprendo vecchie ferite. Petro Grygorichenko, presidente del Congresso dei Rom in Ucraina, parla della situazione sul campo, del momento in cui ha dovuto lasciare la sua casa e della sua ricerca di modi per aiutare le persone provenienti dall’Ucraina e in Ucraina.

 

Il 24 febbraio 2022 l’esercito russo ha attaccato l’Ucraina. Da quel giorno è iniziata la guerra. Come ha vissuto quel giorno?

Per me personalmente, la notizia che la Russia ha attaccato l’Ucraina non è stata una grande sorpresa. I passi compiuti in precedenza dal Parlamento russo andavano tutti in questa direzione. Con il riconoscimento russo delle cosiddette repubbliche autoproclamate di Luhansk e Donetsk, la leadership del Paese si è permessa di usare la forza militare sul territorio di altri Paesi. Ma rimaneva una flebile speranza che la leadership russa non avrebbe attuato le sue intenzioni aggressive nei confronti dell’Ucraina. Anche gli storici e i politici russi sono consapevoli del ruolo e dell’importanza della Rus’ di Kiev e delle sue città nella formazione della recente mappa politica.

 

I Rom sono una minoranza etnica in Ucraina che spesso ha dovuto affrontare gravi discriminazioni anche prima della guerra. Mi descriverebbe la situazione dei Rom sul territorio?

La comunità rom in Ucraina è una delle 135 minoranze nazionali. Secondo le nostre organizzazioni rom, in Ucraina ci sono circa 400.000 persone di nazionalità rom. Tuttavia, le statistiche ufficiali indicano un numero molto inferiore. Questa differenza nei dati statistici è una delle cause della discriminazione. Uno Stato che non dispone di informazioni accurate non può pianificare e sviluppare strategie nei vari ambiti della vita di un particolare gruppo di popolazione. Prima della guerra, i rom ucraini subivano discriminazioni sistematiche in tutti i settori, soprattutto per quanto riguarda l’assistenza sanitaria, l’istruzione e l’alloggio. Si è registrato anche il più alto livello di intolleranza nei confronti dei Rom tra la popolazione rispetto a tutte le altre minoranze nazionali. Ciò è confermato dalle ricerche dei sociologi. A livello statale, l’Ombudsmann ha rilevato che l’80% dei rappresentanti dei Rom ritiene che la violazione dei loro diritti sia dovuta ad atteggiamenti negativi della società. Un chiaro esempio sono stati i linciaggi a Leopoli. Lì i rom venivano uccisi per reati minori. Purtroppo, l’azione penale e le indagini su questi crimini fallirono completamente all’epoca. Ma ora non ci sono differenze in guerra. Siamo tutti ucraini – uniti da un’unica sofferenza e dall’esistenza di una minaccia comune.

 

Lei è di Kiev. Quando ha deciso di fuggire?

Le nostre vite erano in pericolo. Il 6 marzo io e mia figlia abbiamo deciso che non potevamo più restare. Nei giorni precedenti abbiamo sentito il rumore delle bombe che colpivano il suolo. Si sparava in continuazione. In casa nostra le luci erano praticamente spente. Avevamo sigillato le finestre come meglio potevamo, perché le onde d’urto potevano romperle. Dovevamo proteggerci dalle schegge di granata. Non avevamo un bunker, ma un locale caldaia dove le pareti erano un po’ più spesse. È lì che ci siamo nascosti. Ma poi un razzo ha colpito un’altra casa a poche centinaia di metri da casa nostra. Tre piani sono stati completamente distrutti, quasi strappati. In quel momento abbiamo capito: ora dobbiamo partire. Ringrazio mio nipote, che mi aveva sempre chiamato prima e mi aveva detto di andare da lui in Germania. Così avevamo un posto sicuro dove andare. Ma la decisione è stata molto difficile per me. Kiev è la mia casa. Voglio tornare il prima possibile.

 

Come se l’è cavata quando è fuggito? E quali esperienze hanno fatto i Rom in fuga?

La fuga è stata molto difficoltosa. Siamo fuggiti via Leopoli e avevamo con noi pochissimi bagagli. C’era una massa di persone lungo la strada. I treni e gli autobus erano pieni. Molti non riuscivano più a salire. Abbiamo viaggiato da Lemberg a Varsavia. Siamo rimasti lì per due giorni, finché un gruppo ci ha portato a Dresda. Lì abbiamo trascorso la notte in un campo di accoglienza prima di poter proseguire verso mio nipote. Vorrei cogliere questa opportunità per ringraziare i governi e le popolazioni di Polonia, Germania, Romania, Slovacchia, Ungheria e Repubblica Ceca per la loro solidarietà, il loro aiuto attivo e la loro misericordia nell’accogliere i rifugiati, compresi i rifugiati rom! La Polonia, in particolare, ha accolto più di 1.000.000 di rifugiati dall’Ucraina. Per questo esprimo il mio sincero apprezzamento e rispetto. Io, e sicuramente molti altri rifugiati, non lo dimenticheremo mai. Per i rom, in particolare, in questi giorni stanno riaffiorando vecchi traumi. Ricordiamo la Seconda guerra mondiale e il genocidio dei Rom perpetrato dalla Germania nazista dal 1933 al 1945, di cui furono vittime oltre 2 milioni di Rom. Molti sono stati fucilati sulle strade, nei campi, nelle foreste e nei burroni d’Europa. In Ucraina, Babyn Yar a Kiev, Drobitsky Yar a Kharkiv, le fosse comuni nelle foreste di Kherson, Kirovograd, Cherkasy, Vinnytsia e Volyn sono solo alcuni dei nomi dei luoghi dei crimini. Non c’è area in cui non siano stati uccisi centinaia e migliaia di rom.

Ricordiamo anche le esecuzioni di massa dei Rom sotto il regime stalinista. E siamo consapevoli della pulizia etnica avvenuta durante la disintegrazione della Jugoslavia, in cui ancora una volta migliaia di rom sono morti per mano di tutte le parti in conflitto. L’intera storia dei Rom nel secolo scorso è stata segnata da questi tragici eventi. È ancora più amaro che Putin faccia bombardare persino monumenti come Babyn Jar, che commemorano i crimini dei nazisti. Putin, che sostiene di essere venuto per “denazificare” l’Ucraina.

 

Siete arrivati in Germania. Ma probabilmente avete parenti e conoscenti che stanno ancora resistendo in Ucraina. Avete un contatto? Come stanno?

Ho molti parenti e amici che non possono lasciare l’Ucraina per vari motivi. Devono prendersi cura di genitori anziani, parenti e malati costretti a letto. Ci sono anche persone che non possono abbandonare i loro amati animali. Anche questo è un problema. Molti sperano in una rapida fine di questa guerra. Tutti loro soffrono soprattutto di un’acuta mancanza di medicinali e di assistenza medica generale. Spesso non ci sono acqua, elettricità, gas, cibo. Questo vale soprattutto per le aree in cui ci sono combattimenti. Le persone siedono nelle cantine, se ne hanno. Un allarme antiaereo può scattare più volte al giorno.

 

Lei è il Presidente del Congresso dei Rom dell’Ucraina. Come cercate di sostenere il popolo ucraino?

Come “Congresso dei Rom dell’Ucraina” abbiamo contatti con molti Rom in diverse città e regioni dell’Ucraina. Abbiamo informazioni su dove sono, come stanno e come stanno sopportando gli orrori della guerra. Organizziamo raccolte e cerchiamo di fornire aiuti mirati: per le persone di Kiev e di altre città. Ma il trasporto è molto difficile. Siamo ancora alla ricerca di una soluzione e di supporto.

 

E qui in Germania? Cosa potete fare voi e cosa possiamo fare tutti noi per dare un aiuto?

Ciò di cui le persone hanno bisogno è ovviamente la sicurezza, l’alloggio e l’aiuto di psicologi, perché molti rifugiati sono traumatizzati e hanno bisogno di acclimatarsi qui. Gli assistenti sociali sono molto disponibili. Inoltre, le persone hanno bisogno di una prospettiva. Hanno bisogno di corsi di lingua, i bambini hanno bisogno di istruzione. Gli adulti hanno bisogno di aiuto per familiarizzare con le basi della legge del Paese. In generale, i rifugiati devono entrare in contatto con la popolazione locale. Il supporto alle traduzioni è molto importante, non solo per l’ucraino e il russo, ma anche per il romaní, la lingua dei rom. Alcuni rom anziani parlano soprattutto romaní e meno ucraino.

[Info]

Johanna Fischotter ha condotto l’intervista in videochiamata il 31 marzo 2022.

Edward Grigoriczenko, nipote di Petro Grygorichenko, ha fatto da interprete tra l’ucraino e il tedesco durante l’intervista. Egli stesso è attualmente molto attivo nell’aiuto ai rifugiati e sostiene, dove può, coloro che cercano protezione.

Petro Grygorichenko è un cittadino ucraino e rom. Ha trascorso tutta la sua vita in Ucraina. Ha studiato biologia all'Università di Odessa prima di studiare legge all'Università di Kiev. Nel 1991 ha fondato la prima organizzazione per i Rom in Ucraina e ha contribuito ad avviarne altre in vari luoghi. Da allora, si è battuto instancabilmente per i diritti dei Rom nel suo Paese d'origine. Nel 2002, le organizzazioni rom si sono unite per formare il Congresso dei rom in Ucraina, da lui presieduto.